Blog del Popolo della Famiglia

Anche dai Castelli Romani una candidata alle elezioni europee per il Popolo della famiglia

30/04/2019 - In Libera uscita
Visite: 131
whatsapp


«È più forte di me, lo ammetto, – ha dichiarato Sabrina Bosu, Responsabile della Provincia di Roma per il Popolo della famiglia – non riesco a guardare tutto il male che ci circonda senza fare niente. Ho passato innumerevoli notti a chiedermi cosa avrei potuto fare, quale contributo avrei potuto dare, per cercare di arginare l’inondazione che vedevo abbattersi violentemente e inesorabilmente contro la famiglia e contro la vita umana, soprattutto la più fragile, quella dei bambini, degli anziani e dei malati. Poi ho incontrato il Popolo della famiglia ed ho scoperto che il luogo ideale per il combattimento della buona battaglia esisteva ed era ancora meglio di come avevo sperato.

Nel Popolo della famiglia ho conosciuto una moltitudine di persone straordinarie che offrono gratuitamente la propria vita al servizio degli altri, persone che donano il proprio tempo e i propri beni perché la dignità umana venga sempre rispettata, perché nessuno sia abbandonato a sé stesso nel momento del dolore. Ho conosciuto il Popolo della famiglia e il mio cuore si è incendiato di zelo perché finalmente avevo in mano una Ferrari per correre in aiuto dei sofferenti.»
«Questo desiderio profondo di bene – ha continuato Bosu – si traduce oggi in un concreto impegno politico che da Lanuvio, città nella quale vivo nel cuore dei Castelli Romani, a tutta Roma e Provincia, mi ha vista impegnata nelle Piazze e davanti alle scuole, nei mercati e ai convegni, negli incontri con Vescovi, sacerdoti, consacrati e consacrate per presentare la nostra proposta di legge del Reddito di maternità. Si traduce nel concreto impegno per la realizzazione di un Europa dei popoli che contrasti l’Europa dei banchieri dove la democrazia non sia una parola che stride con la realtà che puzza di dittatura ma diventi davvero l’espressione del popolo e la concretizzazione di quei bisogni che oggi vengono disattesi.
Si attua attraverso un presidio costate in difesa della vita con:
– la difesa della centralità e dell’unicità della famiglia naturale;
– il riconoscimento del diritto universale a nascere;
– il rifiuto di qualsiasi forma di maternità surrogata;
– la difesa dell’ambiente e delle risorse naturali;
– la difesa della libertà educativa e di cura dei genitori;
– la difesa della vita nella sua fase declinante respingendo l’eutanasia e il suicidio assistito perché non si risparmino soldi della sanità uccidendo le persone;
– nella realizzazione di azioni politiche a sostegno della disabilità e degli anziani;
– rimettendo in moto l’economia costruendo politiche del lavoro innovative che sappiano valorizzare l’impresa familiare e sfruttando pienamente i fondi europei destinati a tale scopo che oggi non vengono utilizzati.»
«Si traduce infine – ha concluso Bosu – nella lotta determinata contro ogni tipo di dipendenza: droga, alcool, prostituzione, gioco d’azzardo, pornografia. Bisogna entrare in queste colonie del male e distruggerle prima che esse distruggano i nostri figli. Ed io di figli ne ho 4 e sento tutta la responsabilità della loro educazione che la cultura avaloriale ed edonistica nelle quali siamo immersi rende ogni giorno una difficile lotta impari. C’è bisogno di innescare una rivoluzione culturale, che veda ribaltare l’attuale concezione del bene per rendere protagonista il vero bene che sembra essere sempre meno attraente per le giovani generazioni abbagliate dal luccichio del tutto subito e senza sacrifici.
Abbiamo il dovere di ricominciare ad educare, parola che deriva dal termine educere che significa “tirare fuori”, questo deve essere il nostro obiettivo principale: tirare fuori, far uscire, il bello e il buono che c’è in ognuno dei nostri giovani, perché possano scegliere il bene e perché possano prendere in mano la loro vita per farne un capolavoro.

È necessario combattere il male con il bene e il Popolo della famiglia mi offre questa possibilità ogni giorno. Per questo ho deciso di candidarmi alle elezioni europee che si terranno il 26 maggio. Insieme porteremo le nostre tradizioni e le nostre radici in Europa ridandole quel cuore pulsante che sembra voglia essere soffocato e sacrificato sull’altare degli interessi economici a discapito della stessa vita umana. Io sono certa che tutti noi vorremmo che questi valori fossero difesi dai governanti perché la nostra esperienza di vita ci dice chiaramente cosa ci rende felici e cosa ci toglie la gioia. Ma finora le promesse sono state disattese da tutte le forze politiche. I falsi miti di progresso con i quali veniamo bombardati ogni giorno dai media promettono una simulazione di felicità, un’illusione che in breve si trasforma in delusione. Per noi adulti è facile cogliere il messaggio ingannevole e starne alla larga. Ma quanti giovani restano intrappolati nel richiamo lusinghiero delle sirene? Quanti buttano la propria vita dietro la ricerca di una presunta felicità che li conduce all’autodistruzione? Cari amici, aiutateci a cambiare davvero il grigio futuro che ci attende dandoci fiducia il 26 maggio nel segreto della cabina elettorale e insieme ce la faremo.»

Fonte: https://inliberauscita.it/politica/117810/anche-dai-castelli-romani-una-candidata-alle-elezioni-europee-per-il-popolo-della-famiglia/

Tag: Affile (Roma) Agosta (Roma) Allumiere (Roma) Anguillara Sabazia (Roma) Anticoli Corrado (Roma) Anzio (Roma) Arcinazzo Romano (Roma) Ardea (Roma) Arsoli (Roma) Artena (Roma) Bellegra (Roma) Bracciano (Roma) Camerata Nuova (Roma) Campagnano di Roma (Roma) Canale Monterano (Roma) Canterano (Roma) Capena (Roma) Capranica Prenestina (Roma) Casape (Roma) Castel Gandolfo (Roma) Castel Madama (Roma) Castel San Pietro Romano (Roma) Castelli Romani Castelnuovo di Porto (Roma) Cave (Roma) Cerreto Laziale (Roma) Cervara di Roma (Roma) Cerveteri (Roma) Ciampino (Roma) Ciciliano (Roma) Cineto Romano (Roma) Civitavecchia (Roma) Civitella San Paolo (Roma) Colleferro (Roma) Europee 2019 Europee 2019 Popolo della Famiglia-Alternativa Popolare Fiano Romano (Roma) Filacciano (Roma) Fiumicino (Roma) Fonte Nuova (Roma) Formello (Roma) Frascati (Roma) Gallicano nel Lazio (Roma) Gavignano (Roma) Genazzano (Roma) Genzano di Roma Gerano (Roma) Gorga (Roma) Grottaferrata (Roma) Guidonia Montecelio (Roma) Jenne (Roma) Labico (Roma) Ladispoli (Roma) Lanuvio (Roma) Lariano (Roma) Licenza (Roma) Magliano Romano (Roma) Mandela (Roma) Manziana (Roma) Marano Equo (Roma) Marcellina (Roma) Marino (Roma) Mazzano Romano (Roma) Mentana (Roma) Monte Compatri (Roma) Monte Porzio Catone (Roma) Monteflavio (Roma) Montelanico (Roma) Montelibretti (Roma) Monterotondo (Roma) Montorio Romano (Roma) Moricone (Roma) Morlupo (Roma) Nazzano (Roma) Nemi (Roma) Nerola (Roma) Nettuno (Roma) Olevano Romano (Roma) Palestrina (Roma) Palombara Sabina (Roma) Percile (Roma) Pisoniano (Roma) Poli (Roma) Ponzano Romano (Roma) Riano (Roma) Riofreddo (Roma) Rocca Canterano (Roma) Rocca di Cave (Roma) Rocca di Papa (Roma) Rocca Priora (Roma) Rocca Santo Stefano (Roma) Roccagiovine (Roma) Roiate (Roma) Provincia di Roma Roviano (Roma) Sabrina Bosu Sacrofano (Roma) Sambuci (Roma) San Cesareo (Roma) San Gregorio da Sassola (Roma) San Polo dei Cavalieri (Roma) San Vito Romano (Roma) Sant'Angelo Romano (Roma) Sant'Oreste (Roma) Santa Marinella (Roma) Saracinesco (Roma) Segni (Roma) Subiaco (Roma) Tivoli (Roma) Tolfa (Roma) Torrita Tiberina (Roma) Trevignano Romano (Roma) Vallepietra (Roma) Vallinfreda (Roma) Valmontone (Roma) Vicovaro (Roma) Vivaro Romano (Roma) Zagarolo (Roma)