Conoscere la Cannabis, Cannabis Light e THC. Gli effetti sul corpo umano.

11/12/2019 - Marco (24 visite)

Il consumo di Cannabis è incrementato notevolmente nel mondo, in particolare negli ultimi venti anni. Alcuni paesi l'hanno legalizzata, altri ancora permettono la vendita della Cannabis Light, una versione in cui la quantità del principio attivo delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) è bassa, mentre la maggior parte ne vietano la vendita in una qualsiasi delle sue forme. In Italia ne viene chiesta la legalizzazione con la scusa di ridurre la vendita illegale, come se lo spaccio della droga consistesse esclusivamente nella vendita di Cannabis dimenticando che può diventare il trampolino di lancio verso altre droghe molto più pesanti come l'eroina o la cocaina. Anche se in alcuni casi è utilizzata in alcuni casi in ambito terapeutico, la Cannabis ha i suoi effetti collaterali. Uno studio ventennale australiano dimostra che può recare conseguenze drammatiche come problemi psichici e cardiovascolari. Lo studio pubblicato sulla rivista “Addiction” a firma di Wayne Hall, dell’Università del Queensland, in Australia, traccia un quadro completo di queste conoscenze. Li riassumiamo in questi punti:

1) Rischio di schizofrenia e psicosi. L’utilizzo costante della cannabis aumenta il rischio di manifestazione di problemi psichiatrici, specie in soggetti con una storia familiare alle spalle per questo tipo di disturbi. I più esposti sono coloro che iniziano il consumo di cannabis nell’adolescenza: l’uso regolare in questa fase della vita raddoppia il rischio di una futura diagnosi di schizofrenia o di sviluppo di psicosi nell’età adulta. Ma attenzione, l’utilizzo costante di cannabis in età adolescenziale può favorire un deficit cognitivo in età adulta (Affari Italiani, 9 ottobre);

2) Le conseguenze sono pesanti soprattutto dal punto di vista cardiovascolare. E’ stato osservato che su soggetti adulti colpiti da infarto del miocardio, il rischio d’infarto quadruplica nell’ora successiva al consumo della sostanza. Un terzo risultato riguarda invece i soggetti in giovane età, in cui la cannabis può scatenare un infarto fatale in soggetti con problemi cardiaci fino a quel momento non riconosciuti.

3) L’apparato respiratorio: i fumatori di cannabis hanno un maggior rischio di sviluppare una bronchite cronica.

Vale la pena legalizzare una sostanza del genere? Noi del Popolo della Famiglia diciamo di no.