Blog del Popolo della Famiglia

#COSTITUENTE DEI GIOVANI LIBERI E FORTI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA

12/03/2019 - Popolo della Famiglia
Visite: 179
whatsapp

Il 2 marzo 2019, a Roma è stato fondato il gruppo giovanile del Popolo della famiglia. E’ stato emozionante vedere ragazzi di ogni età, venuti da tutta Italia, mossi dall’entusiasmo e dalla condivisione delle stesse idee politiche ed etiche.

Sono stato insieme a loro tutta la giornata e ho potuto constatare di persona che quando un gruppo crede negli stessi valori si crea spontaneamente un clima di famiglia e di amicizia: pur venendo da posti diversi, ed ognuno con il suo percorso di vita, l’avere in comune gli stessi desideri e gli stessi principi, ha fatto sì che ogni differenza venisse appiattita.

Ma cosa ha spinto dei giovani sconosciuti ad incontrarsi in un’altra città? Questi ragazzi avrebbero potuto ignorare il mio invito a partecipare, d’altronde era una situazione poco chiara.

La risposta è da ricercarsi nel desiderio di incontrare dei coetanei con cui si potessero condividere le stesse idee gli stessi obiettivi di vita. Sono ragazzi che non si accontentano di vivere a metà, guardando solo il mero interesse personalistico: loro vogliono di più dalla società e da loro stessi, e sono disposti ad impegnarsi in prima persona per gli stessi valori comuni.

Valori quali il rispetto della libertà purchè nella Verità: idee laiche, aconfessionali e valide per tutti coloro che credono fortemente nella bellezza e nell’unicità di ogni vita fino alla morte naturale.

I ragazzi per loro natura hanno voglia di uscire dalle realtà in cui si trovano per diffondere idee e per farsi conoscere: d’altronde tutti noi quando abbiamo a cuore una cosa non possiamo non condividerla, tanto più i giovani, con l’entusiasmo che li caratterizza.

Durante la mattinata ci ha fatto compagnia anche Fabio Torriero, che ha saputo consigliare al meglio i ragazzi alcune tecniche per una comunicazione efficace ed immediata, prescindendo le origini personali per essere in grado rapportarsi con un buon dialogo con le più disparate tipologie di interlocutori, imparando ad immedesimarsi sullo stesso piano percettivo.

Nel campo politico è fondamentale riuscire ad avere un linguaggio ed un impatto immediato e comprensibile a tutti i tipi di pubblico. I ragazzi avevano bisogno di un aiuto su questo versante, e nelle prossime settimane seguiranno un corso per imparare le tecniche dello speaking e della comunicazione.

Nel pomeriggio, dopo un saluto dal nostro presidente Mario Adinolfi, i giovani hanno stilato un breve documento in cui elencare i principi fondanti il movimento giovanile del popolo della famiglia. C’è stata collaborazione e partecipazione attiva da parte di tutti; non sono mancate difficoltà iniziali, ma alla fine, grazie all’impegno di tututti, i ragazzi sono usciti soddisfatti dalla buona riuscita del lavoro.

Ogni gruppo che si rispetti parte da poche ma semplici regole comuni; con il desiderio che coloro che decidano di unirsi al gruppo concordino con ciò che è stato stabilito dai primi partecipanti al movimento giovanile.

A conclusione della giornata trascorsa insieme, c’era il desiderio da parte dei presenti di prendere parte attiva nella diffusione di quanto concluso in sede d’incontro, partendo dalle proprie zone di competenza, per iniziare una sensibilizzazione capillare riguardo ai principi e alle idee che si erano dibattute durante la giornata

Tutto ciò Perché siamo convinti che, sparsi sul territorio, ci siano tanti altri giovani che vogliono rimboccarsi le maniche per un futuro migliore, che vogliano essere liberi da ogni tipo di dipendenza, che amino la verità del pensiero diverso e che siano convinti che questo paese si possa ricostruire a partire dall’unità familiare.

Sono stati allora nominati i responsabili di alcune regioni, con la speranza che il movimento giovanile del popolo della famiglia si diffonda in tutta la nazione.

I responsabili al momento sono: Sara Reho per l’Umbria, Nicoletta Rossi per il Lazio, Gabriele Marconi in Lombardia, Filippo Ferrarini in Emilia Romagna, per la Calabria Giovanni Paolo Tursi e per la Sicilia Giuseppe Biundu.

Con l’augurio che la fondazione del movimento giovanile porti una ventata di freschezza e di rinnovamento anche nel nostro partito e che ci siano tanti altri giovani sparsi per l’Italia che si vogliano impegnare politicamente per il rispetto della vita.

A seguito riposto il manifesto “Giovani del PDF” stilato a Roma dai ragazzi stessi.

Il Coordinatore Nazionale
Nicola Di MATTEO