Mario Adinolfi: Diario di una campagna a febbraio - 16° giorno

16/02/2020 - Mario Adinolfi (99 visite)

 Penultima domenica di campagna elettorale, c’è la prossima e poi si vota. Nicola mi porta in tutti i gazebo aperti dal Popolo della Famiglia sul territorio, che è vasto e raccoglie oltre centosettantamila abitanti, più di Cagliari o Perugia per capirci. Si va dar “core de Roma” che è Testaccio fino a piazza della Balduina dove incontro la candidata M5S in cappottino bianco. Vado a presentarmi e a farle un cordiale in bocca al lupo ma lei se la tira un po’ e il suo accompagnatore al gazebo mi si presenta senza dirmi il nome ma dichiarandosi “omosessuale”. Ora, capisco che dopo il coming out della Schlein molti hanno capito che esplicitare l’appartenenza alla lobby aiuta a fare immediata carriera politica, ma il tizio in questione secondo me ha molta strada da fare e non sarà particolarmente agevolato dalle peripezie combinate sotto le lenzuola. So poi l’intento era quello di impressionarmi, poverino. Comunque netta la sensazione di un M5S alla canna del gas.

Anche di fronte al nostro gazebo di piazza San Cosimato a Trastevere sventolava la bandiera arcobaleno portata in onore dello sconosciuto candidato di Volt che, pure lui, si presenta come “gay sposato”. Pensano tutti di stare al festival di Sanremo, mi sa. Su Twitter il tizio in questione mi intenta anche un rapido processo per “omofobia” a cui rapidamente mi sottraggo, abbiamo già dato ai tempi del Pd. L’aggressività non mi aiuta a ricordare come si chiama il tizio, mi pare solo che abbia due o tre cognomi.

Ieri al Tg3 è andato in onda uno di quei servizi obbligati dalla par condicio, hanno fatto sentire me e Marco Rizzo, sostenitore del comunismo nordcoreano e ex parlamentare con ricco vitalizio, ovviamente non devoluto alla redistribuzione del reddito. Se la deve vedere con una di Potere al Popolo più incazzata di lui e con Roberto Gualtieri che il comunista lo faceva solo negli Anni Ottanta, ora fa il ministro dell’Economia rigorista che annuncia l’ennesimo Family Act senza metterci un euro. I cattolici in Emilia Romagna hanno capito che il Pd li prende ormai sempre e solo per il culo, vince l’opzione Schlein e i cristiani tornano buoni solo se s’acconciano a squadra in materia di immigrazione, se provano a parlare di famiglia e non ci aggiungono subito “arcobaleno” sono fascisti, se provano a dire che la denatalità è un problema che non si combatte con novantamila aborti e seicentomila scatole di pillola dei cinque giorni dopo, diventano fascisti bigotti retrogradi e ovviamente omofobi. I cattolici a Roma ancora non hanno capito. Tanti voteranno Pd il 1 marzo. Ma l’unico voto coerente è quello dato al Popolo della Famiglia e alle straordinarie squadre che incontrate ai gazebo.

Programma

Mario Adinolfi ha 48 anni, è sposato e padre di tre figlie. Volto noto televisivo è giornalista e scrittore, oltre che presidente nazionale del Popolo della Famiglia che lo ha candidato alle suppletive del 1 marzo nel collegio Roma 1. Questi i dieci punti programmatici del Popolo della Famiglia:

1. Il Reddito di maternità per battere denatalità e aborto;
2. Riforma fiscale del quoziente familiare;
3. Legge elettorale proporzionale pura con premio di governabilità alla coalizione;
4. Abrogazione del reddito di cittadinanza per usare i 7 miliardi annui su reddito di maternità (mille euro al mese per otto anni) e sostegno alla disabilità;
5. Libertà scolastica e riforma basata sul costo standard;
6. Aumento fondo Servizio sanitario nazionale per migliorare l'assistenza agli anziani;
7. Guerra alle dipendenze in particolare giovanili (alcol, droga, ludopatia, pornografia).
8. proclamazione del diritto universale a nascere e del sofferente ad essere curato;
9. abrogazione della legge Cirinnà e rafforzamento delle norme contro l'utero in affitto;
10. Sostegno ai giovani che intendono sposarsi e aprire imprese familiari.

Leggi tutti gli articoli su queste elezioni